Attorno ad Amazon: BASSOTTO O DANESE?

Io & Artù: BRUTUS - 4 BASSOTTI PER 1 DANESE

Leggendo l’intervista del Sindaco Costantini, mi è parso di sentir risuonare echi di gaberiana memoria (si potrà dire?!).

Con orgoglio e dignità, egli si definisce “uomo di sinistra”. Lui, la sua storia, il suo ventaglio valoriale riflettono questa definizione sicché, come fece il cantante milanese, mi sono domandata “ma che cos’è di sinistra”, e ho provato a darmi alcune risposte.

Essere di sinistra significa mostrarsi rigorosi ed esigenti verso sé stessi, apparentemente insicuri poiché coscienti di non possedere la verità assoluta ma, allo stesso tempo, essere tolleranti, benevoli e comprensivi con il prossimo.

Essere di sinistra significa esercitare un pensiero critico e divergente verso la cultura e la società in cui si vive, svelarne le contraddizioni, osteggiando ciò che non si condivide, benché approvato dalla maggioranza. E questo perché è molto più stimolante proporre qualcosa di nuovo, anche se impopolare, piuttosto che rincorrere e cavalcare idee in auge e di successo, ma intimamente lontane dalla propria sensibilità e dai propri vissuti.

Essere di sinistra significa battersi per il lavoro, principio cardine e guida della nostra Costituzione, ma significa altresì proporre un lavoro di qualità, un lavoro che nobiliti l’uomo non solo economicamente, ma anche moralmente.

Essere di sinistra significa difendere i più deboli, i più fragili, coloro che si trovano in difficoltà, quelli i cui diritti è così facile calpestare, poiché se ciò accadesse nessuno se ne accorgerebbe.

Essere di sinistra significa confrontarsi, collaborare, condividere pensieri, modificare le proprie opinioni: saper cambiare idea.

Essere di sinistra significa avere a cuore tremendamente il proprio territorio e, in un approccio più ampio, l’intero pianeta. L’ambiente e la sua tutela diventano, oggi più che mai, il volano per una rinascita, l’impulso al cambiamento di una società fallita che, come una fenice, deve rinascere dalle proprie ceneri. Perché, benché talvolta offuscato, l’ottimismo è pur sempre una caratteristica dell’essere di sinistra.

Ora, dopo tale excursus mi pare davvero difficile credere alle parole del Sindaco. Un uomo che ha voluto fortemente il polo logistico di Amazon, che mai ha mostrato aperture verso chi criticava la sua scelta politica e che ha evitato di condividere una decisione così drastica con la propria cittadinanza, può davvero definirsi “di sinistra”?

Un uomo che ha scelto di importare nel proprio paese un’azienda di logistica che nulla ha a che fare con la storia del territorio, il cui approccio ai diritti del lavoro e dei lavoratori è quantomeno discutibile, si può definire con onestà intellettuale “di sinistra”?

Un uomo che invece di sostenere quello che, ad oggi, è uno dei settori più in crisi, il piccolo commercio, stende il tappeto ad un’azienda dai bilanci record che affosserà ciò che, di questo piccolo commercio, rimarrà dopo l’epidemia, ha il coraggio di definirsi “di sinistra”?

E, infine, un uomo che ha sacrificato la salute dell’ambiente e dei propri abitanti, puntando su un lavoro non sostenibile e che renderà invivibile quest’area, già fortemente ammorbata di CO2, crede davvero nel proprio intimo di far parte della storia “di sinistra”?

Uno dei miei film preferiti da bambina era “Quattro bassotti per un danese”. Il lettore ancora fanciullo nell’animo avrà già capito a che cosa mi riferisco: potrà anche credere di essere un bassotto, tentando in ogni modo di comportarsi come tale, ma un danese è e resterà sempre un danese.

Maddalena Vandini

Informazioni su Condividere Spilamberto

condividerespilamberto@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in istituzioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...