Strada Castelnuovo/Spilamberto… intasata e pericolosa !!!

Partiamo da quello che c’è scritto.

La S.P.16 di Castelnuovo Rangone, di categoria F, è una strada extraurbana “opportunamente sistemata… ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali” (art.2, comma 1 e 3 del Codice della strada).

A seguito delle mappature acustiche effettuate dalla Provincia nel 2016, si è proceduto all’elaborazione e all’adozione “dei piani di azione, volti ad evitare e a ridurre il rumore ambientale laddove necessario, in particolare, quando i livelli di esposizione possono avere effetti nocivi per la salute umana, …”.

Gli interventi di mitigazione previsti per il quinquennio 2018-23 si concentrano su questi due aspetti:

a)” completamento della Strada Provinciale Nuova Pedemontana tra Maranello e Spilamberto (località S. Eusebio). L’inizio del cantiere è in previsione nel 2019. Il completamento dell’infrastruttura porterà variazioni di traffico anche sulla SP16. Si stima che sul tratto di SP16 che va da Castelnuovo a Settecani si assisterà ad una riduzione del 17% dei veicoli leggeri e dell’62% dei veicoli pesanti, mentre sul tratto tra Settecani e Spilamberto il flusso di mezzi leggeri dovrebbe aumentare del circa 11% e diminuire quello dei veicoli pesanti del 23%”.

Dubito che i mezzi leggeri (furgoncini) in più dopo l’apertura di Amazon siano stati preventivati nel conto!

b) “Realizzazione di asfalto fonoassorbente in località Spilamberto per 1000 m”. Presuppongo limitata alle prossimità della Casa Protetta Roncati e della scuola dell’infanzia Don Bondi individuati come ricettori sensibili con valori che non sono però diversi nell’intero tratto da Castelnuovo all’Altolà come si rileva dagli allegati.

Non sono nemmeno da dimenticare le risposte della Provincia alle sollecitazioni di alcuni cittadini preoccupati anche della pericolosità della strada, confermata purtroppo dai numerosi incidenti, anche mortali, avvenuti in questi anni.

Cittadini che sentono i mezzi pesanti frenare e stridere quando il pulmino scolastico si ferma nei pressi delle loro abitazioni; gli stessi che sono impossibilitati a raggiungere la pur vicina ciclabile a causa di una banchina inidonea e l’impossibilità di predisporre un attraversamento pedonale sufficientemente sicuro ed organizzato.

Convenendo con loro che, in alcuni tratti dell’area Sant’Eusebio “la situazione è inequivocabilmente alquanto difficile”, la Provincia si era impegnata nel 2017“alla collocazione di una barriera guardrail sul lato ovest dell’accesso privato e, successivamente, all’installazione di una barriera anti rumore tra le abitazioni e la carreggiata non appena le risorse finanziarie lo permetteranno”.

Ad oggi, le azioni messe in campo si limitano al posizionamento del limite di velocità massimo di 50 Km/h tra la rotatoria con via S. Eusebio ed il centro abitato di Spilamberto con “una costante campagna di controlli da parte del Presidio di Polizia Municipale di Spilamberto” (?!).

Sarebbe stato utile anche alla soluzione di questo problema, che la Provincia avesse preteso e predisposto il collegamento tra la rotonda su Via San Vito-Amazon e la rotonda S. Eusebio-Pedemontana anziché limitarsi solo ad auspicarlo, come si legge nella Delibera di Giunta di approvazione della variante Rio Secco del 2019:

Premesso che risulterebbe auspicabile il completamento della circondariale di Spilamberto da via San Vito a Sant’Eusebio, al fine di evitare ulteriori incrementi di traffico sul restante tratto della SP623; intervento che però il presente progetto non prende affatto in considerazione, nonostante le sollecitazioni fatte in sede tecnica negli incontri effettuati.

Chi tra Provincia di Modena e Comune di Spilamberto non ha utilizzato la diligenza del buon padre di famiglia? Di colui cioè che è premuroso, che fa di tutto pur di realizzare l’interesse dei figli e che, nel nostro caso, risponde ai bisogni di sicurezza, di benessere e di salute dei cittadini?

Non mi aspetto una risposta seppur dovuta, ma finalmente un’azione sinergica reale nella direzione giusta.

Anderlini Fiorella

Informazioni su Condividere Spilamberto

condividerespilamberto@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in cittadinanza attiva, locale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...