Cominciano le danze?

www.enaip.veneto.it - Un piano di educazione al civismo

Ci hanno chiesto come mai il nostro blog di paese si occupa dell’ elezioni comunali di Finale Emilia e Pavullo.

Lo facciamo perché quanto accadrà nelle  due città, influenzerà anche i comportamenti politici a Spilamberto ed in Unione Terre di Castelli.

Partiamo dai dati di YouTrend del 22 luglio.

Fratelli d’Italia è al 20,4%, mentre la Lega  è al 20,3%  Il PD è  in terza posizione con il 19,5%, mentre il Movimento 5 Stelle è attorno al 15%. Con questi dati ci potrebbe essere un  centro composto da  Forza Italia al 7,6% , Azione di Calenda al 3,6% ed IV al 2,2% ma l’ipotesi per ora è lantana.  C’è infine La sinistra frantumata ed i verdi la cui somma balla attorno al 9%.     i partiti potenzialmente alleati del PD in una ipotetica coalizine con M5stelle, sinistra e civici   hanno una forza che pesa attorno al 24%  

In questo contesto non si spiega l’arroganza che il PD  ha messo in campo a Finale Emilia e Pavullo.

Il PD non è  più l’azionista di maggioranza di  un possibile  schieramento di centrosinistra, neppure a Spilamberto. Quando si voterà per le comunali a Spilamberto sarà quindi determinante la valutazione dell’operato dell’attuale sindaco Costantini e del capogruppo Morselli. Servirà poi  un programma  che dovrebbe segnare, nel caso di Spilamberto se si volesse costruire una coalizione sul modello nazionale, delle forti discontinuità rispetto alla  gestione dell’attuale amministrazione.

Bisognerebbe  fare come   hanno  fatto a Vignola: dove la sindaca Emilia Muratori  agisce come  sindaca di tutto lo schieramento e non del solo PD, ovvero   fa sintesi.  La Muratori  ha condiviso, primo punto del suo programma, il modello di partecipazione dei civici,  avversato invece poco tempo prima dal PD nel programma della precedente candidata.

Sulle caratteristiche politico e personali del prossimo sindaco.  Serve una personalità  come quella della Muratori e del sindaco di Castelnuovo Paradisi. Figure capaci d’ascolto . Un sindaco che lavora per unire e non per dividere.  Il giovanilismo, sorto negli anni venti del precedente secolo, ritornato in auge grazie a  Renzi , in questo contesto è sepolto. Conta la credibilità personale e professionale, l’esperienza e la competenza come elementi portanti  per  individuare il profilo di una possibile  candidatura.

Noi eco-civici siamo sempre disponibili al confronto, cosa che abbiamo fatto ricercando condivisione con le altre forze in consiglio comunale, cercando convergenze programmatiche ma non potremmo mai accettare egemonismi basati sul concetto Pavullese e Finalese del “Prendere o lasciare” BoOm

Informazioni su Condividere Spilamberto

condividerespilamberto@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in cittadinanza attiva, istituzioni, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...