Viale Italia: ecco che il sindaco ci ricade

Photo by Tom Fisk on Pexels.com

Umberto Costantini è sindaco da ormai 7 anni e dovrebbe avere imparato la differenza dei ruoli tra chi governa e chi sta all’opposizione.

Non può accusare chiunque lo critichi. Da Maddalena Vandini poche settimane fa per le critiche su Amazon, ai colleghi dell’opposizione di Prima Spilamberto sul Carlino Modena di lunedì 6 settembre per le critiche su Viale Italia.

Non va bene.

Non si può dire: “… la differenza tra me e l’opposizione è che io devo tirare le somme e ho la responsabilità del governo della città, gli altri no e si vede, perché ogni occasione è buona per inventarsi una storia diversa”.

Anzitutto perché se da una parte è compito del Sindaco (assieme agli assessori, alla maggioranza e ai dirigenti comunali) governare la città, è anche compito del Sindaco garantire gli spazi del confronto e lo spazio per le critiche alle sue scelte.

Si chiamerebbe “democrazia”.

In particolare le opposizioni hanno il ruolo istituzionale di controllare la maggioranza e la macchina comunale evidenziando tutto quello che a loro giudizio non funziona o è sbagliato.

Quindi, Sindaco, non pretendere che le opposizioni dicano quello che vuoi tu, lascia loro la libertà di criticarti e non offenderle.

Soprattutto poi se, su una vicenda come quella di Viale Italia, la condotta dell’Amministrazione è tutto fuorché lineare.

Avete deciso di costruire in quattro quattr’otto una ciclabile per non perdere un finanziamento (2017-2018) di meno di 80.000 €, avete fatto il bando e assegnato i lavori senza discuterlo con nessuno.

Poi vi siete accorti che il progetto aveva dei buchi, e allora avete rimandato tutto a dopo le elezioni (2019) dicendo che prima andava costruita la rotatoria tra la Vignolese, via Santa Liberata e via del Carmine e poi se ne sarebbe parlato.

Quindi, la scorsa estate (2020), avete disegnato la ciclabile eliminando i parcheggi (che per te sarebbero il “… Medioevo della mobilità”) e costruendo l’inutile passaggio pedonale sul giardino delle scuole.

Poi più nulla fino a quest’estate (2021) dove improvvisamente avete ridipinto i parcheggi e introdotto il senso unico.

Ora dovrai ammettere che qui non esiste logica, non esiste confronto, non esiste coerenza. E se uno ti critica si deve anche sentire dire che “… ogni occasione è buona per inventarsi una storia diversa”?

Ognuno mantenga in modo corretto il proprio ruolo, il Sindaco pro tempore e la maggioranza giuridca ma non reale (fino alle prossime elezioni) governino cercando di ricordarsi di garantire gli spazi per il confronto con i cittadini; e le opposizioni siano cocciute e coerenti nell’evidenziare tutte le incoerenze del Sindaco e della maggioranza, criticando anche in modo duro e sempre articolato.

Divisi nei ruoli ma sempre corretti, e pronti ad unirsi per ogni tipo di emergenza che il bene di Spilamberto richieda.

Questo chiediamo nulla di più e nulla di meno.

Nota di redazione aggiuntiva

Molte cose ci separano politicamente da Prima Spilamberto ( Ambiente, concezione dei diritti civili e sociali, reddito di cittadinanza e via elencando) quando, però,li si sbeffeggia noi difenderemo sempre il loro diritto di fare opposizione come vogliono e ci aspettiamo che il Sindaco per dovere istituzionale e per convinzione , faccia altrettanto.

Informazioni su Condividere Spilamberto

condividerespilamberto@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...